logo-olio-extravergine-di-olive-new
icona social facebook icona social google plus icona social twitter icona social youtube linkedin icona rss feed
il portale delle notizie sull'olio extravergine di oliva

L’olio extravergine di oliva biologico è il massimo della qualità alla quale un consumatore può ambire al momento dell’acquisto. L’olio prodotto da agricoltura biologica è il frutto di un ciclo produttivo ispirato al passato, in cui vengono escluse sostanze di sintesi durante la concimazione e i trattamenti fitosanitari. Anche la raccolta e l’estrazione dalle olive segue iter rigidi e in linea con i regolamenti comunitari.
Per olio extravergine di oliva biologico si intende quell’olio ottenuto da olive non sottoposte a trattamenti fitosanitari con prodotti di sintesi. Le stesse olive, poi, provengono da olivi concimati con sostanze organiche come il letame.


La raccolta stessa delle olive viene effettuata a mano o, al massimo, con metodi meccanici che riducono al minimo le sollecitazioni. Le olive vengono, poi, raccolte tramite appositi teli, per evitare che tocchino terra. Il trasporto dalle olive al frantoio, infine, avviene in apposite cassette di plastica dotate di forature per garantirne un’adeguata areazione.


Uno dei momenti più importanti è l’estrazione dell’olio extravergine di oliva biologico. Prima di tutto il tempo tra la raccolta e la frangitura deve essere il più breve possibile, per evitare la fermentazione delle olive. Prima della molitura, poi, le olive vengono lavate e separate da eventuali rami e foglie.
Per produrre olio extravergine di oliva biologico si possono usare sia le tradizionali molazze che i moderni frangitori a martello. La pasta d’olive, poi, subisce il processo di gramolatura: questa fase è delicata perché un eccessivo riscaldamento potrebbe portare all’ossidazione e al mutamento delle caratteristiche chimiche della pasta stessa.


Si arriva, infine, al processo di estrazione vero e proprio che può avvenire sia tramite pressione che con la centrifugazione. Anche in questa fase è importante non far riscaldare eccessivamente il mosto d’olio. Eventuali residui d’acqua e impurità, infine, vengono tolti con la separazione finale. L’olio extravergine di oliva biologico, così, imbottigliato o risposto in appositi contenitori metallici può essere consumato.


La produzione di olio extravergine di oliva biologico segue alcuni regolamenti comunitari che ne disciplinano ogni fase della lavorazione. Il principale regolamento europeo è il n. 834/2007 relativo alla produzione biologica e all’etichettatura dei prodotti biologici. Successivi regolamenti dell’Unione europea riguardano alcuni aspetti del suddetto atto giuridico. Tra questi spiccano il regolamento n. 889/ 2008, il regolamento n. 1235/2008 sull’importazione dei prodotti biologici dai Paesi terzi e il regolamento 271/2010 che si occupa del logo della produzione biologica dell’Unione europea.


La produzione dell’olio extravergine di oliva, insomma, si sta diffondendo in molte regioni italiane, oltre che nei maggiori Paesi produttori. Ciò avviene per soddisfare la domanda degli amanti della buona alimentazione e delle pratiche agricole di un tempo.